[:it] 

Si apre con due artisti eccellenti del pianoforte che apriamo la rassegna di incontri con la Musica. All’interno della Tenuta, tra opere d’arte su tela ed in botte conosceremo Yoshiko Arata e Matteo Musumeci.

Due serate che prevedono l’incontro con artisti affermati nel settore e che rendono possibile degustare la musica circondati dai filari della Tenuta.

Grazie al grande supporto del Dr. Montemagno Giuseppe è stato possibile organizzare questo weekend di musica classica al Wine Bar della Tenuta San Michele.

 

yoshikoPianista versatile, Yoshiko Arahata si produce in una variegata carriera musicale lungo tre continenti. Yoshiko infatti è stata premiata in diversi concorsi nazionali ed internazionali, tra cui Bradshaw e Buono, Los Angeles Liszt, Young Artists Peninsula, Hong Kong Music Festival, suonando concerti premio per il Bach Festival e il Long Beach Mozart Festival. In qualità di membro del Trio Elgin, ha vinto la posizione di Ensemble-in-Residence per il Music Bus Tour, viaggiando in tutto il Texas. Nell’ambito della musica contemporanea, l’artista si è esibita come solista con l’Ossia New Music Ensemble, Music Nova, lavorando con compositori quali Steve Reich, Aaron Jay Kernis e Jo Kondo. Inoltre, ha vinto numerose borse di studio e riconoscimenti, tra cui l’Excellence in Teaching Assistant Prize alla Eastman School of Music della University of Rochester e un Certificato di Riconoscimento assegnatole dal Comune di Los Angeles per la sua dedizione alla musica.
Ricercata musicista da camera, Yoshiko ha suonato con il celebre violinista Charles Castleman, al Garth Newel Music Center e per la Young Musician Foundation, per diverse trasmissioni radiofoniche, con la Civic Orchestra di Chicago e con varie formazioni di musica jazz e contemporanea. Attiva anche come compositrice, i suoi lavori sono stati eseguiti in anteprima al Chicago Cultural Center, al Ritsos Project e al Women in Music Festival. Educatrice convinta e sostenitrice dell’idea di arricchimento della comunità, Yoshiko insegna attivamente in contesti accademici e sperimentali alla Eastman Community School Music e al Blue Lake Fine Arts Camp.
Yoshiko Arahata si è laureata in pianoforte e neuroscienze alla Eastman School of Music, alla Northwestern University e alla University of Rochester, dove ha studiato con Barry Snyder, Alan Chow e Enrico Elisi. Attualmente segue un dottorato in pianoforte, jazz e media contemporanei alla Eastman School of Music. Cresciuta tra Los Angeles, Tokyo e Hong Kong, Yoshiko ama i viaggi, la cucina e la fotografia. www.yoshikoarahata.com

 

MusumeciLa sua formazione artistica, insieme agli studi di conservatorio, si nutre di quella grande scuola che è il Teatro; sin da bambino, infatti seguendo suo padre l’ attore teatrale Tuccio Musumeci, vive sulle tavole del palcoscenico e la sua naturale vocazione lo porta subito ad intraprendere la strada della composizione. Inizia così a sedici anni la sua attività di compositore, scrivendo musiche di scena per il Teatro, ad oggi oltre 20 spettacoli teatrali di successo, (importanti e diverse le collaborazioni con il Teatro Stabile di Catania ed il Teatro Biondo Stabile di Palermo) per dedicarsi successivamente alla composizione sinfonica e operistica.Nel 2008 viene nominato direttore artistico presso il Teatro Sangiorgi di Catania, storico teatro catanese, oggi seconda sala del Teatro Massimo Bellini di Catania[7]. Ha debuttato nel 2008 in qualità di regista nell’allestimento di Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni delTeatro Massimo Bellini di Catania, orchestra e coro del Teatro Massimo Bellini. Sempre per il Teatro Massimo Bellini ha curato la regia dell’opera da camera La Serva Padrona di Giovanni Paisiello. Nel 2011 compone la Suite Sinfonica dall’opera Aitna per orchestra che debutta in prima assoluta, diretta da Alberto Veronesi, il 16 e 17 dicembre 2011 al Teatro Politeama di Palermo per la 53ª Stagione dell’Orchestra Sinfonica Siciliana firmata da Sergio Rendine. In programma con la Suite Sinfonica da Aitna, il Concerto per violoncello e orchestra di Edward Elgar, eseguito da David Geringas e la suite del Mandarino meraviglioso di Bartók. Nell’aprile 2012 è protagonista della Stagione sinfonica del Teatro Vittorio Emanuele II di Messina con la Suite Sinfonica dall’opera Aitna – direttore Michele Amoroso – Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele II di Messina. Il 18 e 19 gennaio 2013 – 54ª stagione della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana debutta con la “Sinfonia n.1 in La minore detta Stormy time – sinfonia senza tempo” al Teatro Politeama di Palermo, direttore Francesco Di Mauro. In programma a seguire, il Concerto per violino e orchestra di Gian Francesco Malipiero, al violino il Maestro Francesco Parrino e la “Sinfonia sopra una canzone d’amore” di Nino Rota. Autore dell’Inno ufficiale del Gran Ballo dell’Opera di Brno (Rep. Ceca), eseguito in prima assoluta il 19 gennaio 2013 al Teatro Nazionale di Brno per lo speciale evento, secondo soltanto al Gran Ballo dell’Opera di Vienna per importanza e ospiti d’onore. www.matteomusumeci.it

 

SOLO 50 POSTI DISPONIBILI. PER PARTECIPARE E’ NECESSARIA LA PRENOTAZIONE COMPILANDO IL MODULO SOTTOSTANTE

[tfuse_contactform tf_cf_formid=”2″]

 [:]